Vincoli, critica Italia Nostra

dal quotidiano Alto Adige — 20 gennaio 2005   pagina 19   sezione: CRONACA

 BOLZANO. È un provvedimento che farà discutere, quello della Provincia a proposito dei vincoli per la tutela degli edifici di proprietà pubblica e con oltre 50 anni di età. Fino a oggi il vincolo scattava automaticamente: ora invece la giunta ha deciso che deve essere espressamente richiesto dagli uffici della sovrintendenza delle belle arti; in assenza di questa richiesta il vincolo non ci sarà più. Illustrando la decisione, il presidente Luis Durnwalder aveva spiegato che in questo modo la Provincia aveva le mani libere per modificare edifici teoricamente sotto tutela ma architettonicamente poco rilevanti e di fatto di uso quotidiano.  Ad avanzare le prime critiche sull’articolo di legge è l’associazione Italia Nostra: «Siamo contrari – spiega il vicepresidente Umberto Tecchiati -, dobbiamo ovviamente approfondire meglio l’argomento ma la prima impressione è che non stia nè in cielo nè in terra». L’associazione avanza anche la sua proposta: «Non nego – prosegue Tecchiati – che vi siano strutture di proprietà pubblica, più vecchie di 50 anni e dal valore artistico-architettonico assolutamente nullo. Per esempio, se una caserma ha più di 50 anni ma è solo un insieme di capannoni, allora il vincolo può risultare solo un ingombro. La nostra proposta è che in questi casi, e solo in questi, la Provincia o l’ente pubblico faccia domanda per eliminare il vincolo, che la Sovrintendenza ai beni culturali può tranquillamente revocare. Insomma noi proponiamo l’opposto di quanto deciso: non l’eliminazione dei vincoli salvo eccezione ma la possibilità di revocarli previo parere degli uffici competenti. Questa a mio parere sarebbe una scelta responsabile».  La decisione della giunta, che fa parte della cosiddetta «legge Omnibus», «ha un altro svantaggio – prosegue infine Tecchiati -, ossia quello di aggiungere lavoro a una sovrintendenza già oberata dagli incarichi. Chiedere che controlli anche tutti gli edifici pubblici per controllare quali meritino tutela e quali non mi sembra eccessivo. Dovrebbe essere l’amministrazione pubblica a chiedere il parere degli uffici solo quando si vuole intervenire sullo stabile».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...